Viano profumi coltelli

Categorie prodotto
Brands

5° puntata di #SoapTour

Mastro Michè Moonlight Serenade 🌔🎺🎷 

L’ultimo botto dell’anno, nel mio caso, l’ha sparato il mitico Michè, con un piacevolissimo ritorno della sua personale linea. Lo fa portando alla luce (o meglio al chiaro di luna) un prodotto semplice, quasi elementare, che fa emozionare, chiunque lo usi, per la sua disarmante semplicità di utilizzo. Scordatevi i Burri, gli olii pregiati e le formule magiche… Qua si torna alle origini.  Contenuto nell’ora mai classico vaso da 125 ml, usato anche per le precedenti edizioni, il moonlight ha una grafica bellissima, sui toni del giallo e del blu, che vedono raffiguranti dei jazzisti (o orchestrali) che suonano alla luce della Luna. Il nome (credo) è ispirato al classico pezzo di Glenn Miller, che è stato riproposto da moltissimi musicisti, rendendolo noto -andandolo ad ascoltare vi rendete subito conto- nonostante sia un pezzo di fine anni ’30.  Ma tornando al sapone, ci troviamo di fronte a una pasta moooolto morbida, quasi una consistenza da tubo, che rende particolarmente facile il prelievo con il dito, per poi procedere al FL (stra consigliato) oppure al montaggio in ciotola (dove per me -in questo caso- si gode alla metà 🤷🏻‍♂️). Ma in qualsiasi modo voi lo montiate, si otterrà sempre una crema compatta, lucida e molto idratata. La profumazione è un elegante mix di agrumi e note erbacee, con delle note aromatiche (a me sembra di sentirci del timo o del rosmarino…) che rendono molto bene l’idea di una romantica serenata su di una terrazza, in un periodo di primavera. Probabilmente non molto stagionale come aroma, ma visti i picchi di calore che ci sono Stati in questi giorni, cadeva a pennello.  

L’inci, che è sempre un punto focale per gli utilizzatori, in questo caso conta davvero pochi ingredienti, anzi 1 che è degno di nota, ovvero l’olio di cocco (che troviamo, e spesso snobbiamo, in quasi tutte le produzioni di saponi italiani). Infatti questo elemento ha delle proprietà lenitive ed emoliente per la nostra pelle, rendendo così il post shave di Moonlight veramente ottimo. In abbinato abbiamo ovviamente anche il dopobarba alcoolico, che il compito di lenire la pelle e di accentuare le note olfattive che sono volate via dopo il risciacquo. La profumazione è simile a quella del sapone, forse un pò più agrumeti che erbacea, ma sono dettagli. Premetto che la mia pelle “divora” le fragranze agrumeti facendole durare un nonnulla, ma qui (miracolo) la fragranza mi rimane addosso per ben 45 minuti, lasciando poi il posto a una pelle bella tonica. Un ottimo botto di fine anno, che sicuramente renderà molto piacevoli le sbarbate di inizio anno, proiettandovi già verso la bella stagione, ma senza strafare 🌔🎺 

CONCLUSIONI 

Prodotto veramente ottimo. Prezzo shock e risultato top. Semplice ed efficace, senza la smania di cercare l’elemento di nicchia, ma semplicemente portare al consumatore una fragranza di livello con un prodotto semplice da utilizzare. Oramai questi prodotti di Michele sono talmente buoni, che spesso anche io mi chiedo perché avere 100 saponi con olio e Burri strani, quando con poco ci si può godere appieno il momento… Non sto snobbano nessun elemento, ci mancherebbe, so bene quanto funzionino bene, ma a volte è bello tornare al basico e rimanerne stregati. La profumazione non è mia al 100%, ma sicuramente, oggettivamente è buona.  Complimenti Michè, avanti tutta! 🎷 

VOTAZIONE 

GIUDIZIO COMPLESSIVO*: ⭐⭐⭐⭐ 

PACK:⭐⭐⭐1/2 

PROFUMAZIONE: ⭐⭐⭐(soggettiva) 

POST SHAVE: ⭐⭐⭐⭐ 

PROTEZIONE\SCORREV. : ⭐⭐⭐1/2 

RAPPORTO QT\QL PREZZO:⭐⭐⭐⭐⭐ 

*prodotto nella categoria low-cost 

 Andrea 

SEGUI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

 

Categorie Senza categoria

4^ puntata di #soaptour

TFS Domino P-671 🎱🎲🧩 Linea Completa  

Quando un prodotto ti strega, fin dal primo utilizzo, portandoti in un’oasi mistica di pace e felicità, secondo me siamo di fronte a un qualcosa di più di un semplice set da barba. Siamo al cospetto degli dei delle profumazioni azzeccate e degli elementi benefici, che (come in un domino) si posizionano perfettamente uno in conseguenza all’altro, pronti a scatenarsi e a creare un qualcosa di pazzesco. Oggi vi voglio portare alla scoperta di un prodotto che mi ha ri acceso l’emozione per la rasatura, dopo diversi mesi ho finalmente trovato un prodotto che mi ha smosso, emozionato, reso felice. Partiamo con questo domino! Partendo dal sapone, lo troviamo in un vaso di plastica ambrato, con tappo nero dal contenuto di 150 ml. Sul tappo troviamo l’etichetta che devo dire essere molto impattante nella sua semplicità. Una mano che spinge il primo pezzo del domino per la realizzazione dell’opera, su uno sfondo con tonalità verdi e nere, lo rendono quasi un dipinto surrealista. Sul collo del vaso troviamo l’inci (che vediamo tra poco) e tutti i dettagli di produzione. Aprendo il barattolo rimango inebriato dalla profumazione, che mi lascia senza parole. Un elegante profumazione floreale (osmanto) che si fonde con note di bergamotto (molto leggero a prima snasata, ma si apre decisamente di più in fase di montaggio) e patchouli. Wow.  

Ma non è solo un sapone buono per il naso, ma anche -e soprattutto-per la pelle. Infatti troviamo all’interno un mix di elementi preziosi e benefici per la nostra pelle, che sicuramente apprezzerete per le loro caratteristiche. Parliamo di olio di ricino, un emolliente e purificatore naturale per lenire la nostra pelle dopo il passaggio della lama, di olio di noci che aiuta chi ha problemi di pelle grassa, oltre ad essere un antibatterico e un a stringente naturale, e anche di olio di Pula di riso, che aiuta a calmare e disinfiammare la nostra pelle dopo lo stress della rasatura. Ma non è tutto, abbiamo anche un burro (quello di noce, che idrata e riparare la pelle) e un’argilla, di cui io sono un grande fan: la calamina, un elemento che funge da scrub ma anche come tonificante, facendoci uscire dalla sbarbata in ottima forma.  Domino stupisce, Domino regala confort sia alla pelle che all’olfatto, Domino a me ha stupito tanto, tantissimo nonostante abbia tantissimi prodotti su cui poter contare. Domino per me è stato un nuovo inizio, un nuovo primo amore… Ma siamo solo al sapone, con l’After si amplifica quello che abbiamo appena detto. Infatti terminata la sbarbata (fatta usando dei maiali e dei sintetici, con frequenza quotidiana) io avevo necessità di concludere con il suo after (da avere ovviamente insieme) perché sono due elementi che si completato a vicenda. Infatti nel dopobarba spicca decisamente il floreale, il legno diventa proprio una nota di supporto e al mio naso è scomparso totalmente quell’accordo agrumato che percepito del sapone, ma meglio così a mio avviso, perché si splasha addosso qualcosa di veramente ottimo. Elegante, maschile, ma allo stesso tempo dolce e materno. Un mix che -se non lo aveste capito- mi ha mandato fuori di testa! 

CONCLUSIONI 

Che dire di più rispetto a quello che avete appena letto? Per me uno dei migliori 3 saponi provati nel 2021, elegante, adatto a qualsiasi giorno della settimana, ma rende i giorni importanti ancora più magici. Profumo eccelso, formula che fa diventare un sapone buono un super sapone. Equilibrio tra grassi e olii ottimo, andando a ricercare elementi rari (sia a livello di profumo che a livello di elementi) che possono portare benefici alla pelle che siano tangibili sin dalle prime sbarbate.  Grafiche molto molto belle, molto in linea con il mio gusto personale.  Per me è un set che segna davvero un nuovo inizio, mi ha fatto di nuovo provare delle emozioni vere, vibranti che mi danno nuova linfa, e oggi più che mai sono orgoglioso che sia un made in Italy. La rasatura se non da emozioni, ma da solo un elenco di elementi per star bene, secondo me manca di qualcosa. Oggi vi ho raccontato un sapone che per me, ha tutto!  

VOTAZIONE 

GIUDIZIO COMPLESSIVO*: ⭐⭐⭐⭐1/2 

PACK:⭐⭐⭐⭐1/2 

PROFUMAZIONE: ⭐⭐⭐⭐⭐(soggettiva) 

POST SHAVE: ⭐⭐⭐⭐ 

PROTEZIONE\SCORREV. : ⭐⭐⭐⭐1/2 

RAPPORTO QT\QL PREZZO:⭐⭐⭐⭐ 

 *prodotto nella categoria mid/high 

 Andrea 

SEGUI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

Categorie Senza categoria

6° puntata di #RazorTime

6° puntata di #RazorTime  

Parker Adjustable Injector Razor 

Un rasoio che incarna appieno il compito che spesso ha turbato diversi tonsori: quale rasoio posso prendere per passare dal multilama al tradizionale? La risposta? Questo! Ebbene sì, un rasoio che mi ha subito colpito per le sue doti di traghettatore, facendomi immedesimare in un novizio tonsore che si vuole approcciare per la prima volta alla rasatura tradizionale. Infatti quello che sempre mi ha colpito è quanta differenza ci sia tra il nuovo e il vecchio, sia a livello di peso, che a livello di geometria e si utilizzo. Con questo Parker, troviamo un bel mix che prende (a mio avviso) il bello di tutti e due i mondi per semplificare la vita dell’utilizzazione finale. Partendo dal peso ci troviamo di fronte a un rasoio di appena 35 gr, sicuramente un peso piuma rispetto a molti rasoi tradizionali che spesso si aggirano intorno ai 90 gr. almeno, ma utilizzando materiali tipici sia del passato che del presente. Infatti troviamo un dorso in metallo, su cui si trova anche la manopola per regolare la profondità di taglio, ma anche un interno in PVC, che da un grip al manico decisamente ottimo, anche se onestamente avrei preferito qualcosa di più eco sostenibile, ma non si può avere tutto 😅 La forma è tipica del multilama, e di conseguenza anche le dimensioni, portando questo rasoio ad essere 12 cm di lunghezza, ma con una testa decisamente più piccola rispetto a un classico DE. Infatti utilizzando lame Injector, abbiamo 3.8 cm di testina, che ricordano sicuramente i rasoi moderni, ma con un’unica lama, tipica del mondo tradizionale. Oserei dire che siamo di fronte a un SE moderno, perché la lama si monta pressappoco come quelle del SE (vi metto anche una foto dove si capisce bene il meccanismo -più facile a farsi che a dirsi-) e ha una facilità di utilizzo unica, con un taglio buono. 

Buono non ottimo, nel senso che avendo una regolazione da 1 a 5, mi aspettavo un po’ più di cattiveria nel taglio, ma purtroppo (o per fortuna dipende dall’ avventore) con una regolazione a 4 io porto via una barba di 2/3 giorni al massimo, il che mi porta a dedurre che questo rasoio sia stato concepito esclusivamente per barbe di pochi giorni e basta. Su barba troppo lunghe si rischia di avere l’effetto che si aveva con il multilama, ovvero un ingolfamento del rasoio, rendendolo quasi inutilizzabile…Il taglio mi piace molto, anzi mi ha reso un po’ nostalgico, portandomi a capire meglio cosa sia la rasatura tradizionale, ma senza dover per forza maledire o denigrare il moderno: il nuovo ha dalla sua una praticità unica, mix di materiali che rendono il gesto molto smart, dall’altra troviamo le lamenta Injector, che producono un taglio delicato, ma decisamente più profondo rispetto a quello che ci regalava il multilama. Un buon connubio, che farà sicuramente contenti i novizi che spesso si aprono la faccia per provare un classico DE, non avendo idea della capacità di taglio di una lametta (senza contare la mancanza di esperienza sulla pressione, scivolamento etc.…) con questo Parker avrete l’apertura di taglio altissima, quasi orizzontale, che si avvicina molto al rasoio multilama, ma allo stesso tempo la pelle ringrazierà per non essere passati sullo stesso posto 2 milioni di volte con magari 3 o 4 lame…  Da avere? Sicuramente ci fosse stato quando ho iniziato io, l’avrei preso al volo, adesso mi piace usarlo per la testa, perché non mi faccio male, non sento la pressione di poter sbagliare e mi godo di più il momento. Avessi un foglio, fratello che si approccia per la prima volta alla rasatura, lo consiglierei vivamente, anche perché una lama fa tranquilla almeno 8/10 barbe (contro le 1/2 delle classiche lame del DE…).  Se sei un “prof” lo proverei per curiosità, ma poi secondo me, non ti troveresti al 100%, ma ogni tanto staccare dal classico tradizionale e passare a questo ibrido, potrebbe farti divertire 💪🏻 

CONCLUSIONI 

Un rasoio ibrido, metà tradizionale e metà moderno. Facile da usare, divertente da adoperare e molto sicuro durante l’utilizzo. Adatto a chi vuole iniziare, o per chi si rade la testa, questo è un buon prodotto. Materiali buoni, lame molto durature, l’unica pecca è la regolazione, che trovo essere un pò blanda, ma parliamo anche si un ibrido, non è sicuramente un Progress😉 

VOTAZIONE 

Principiante: 9 

Esperto: 6 

Testa: 8.5 

Andrea 

LEGGI LE RECENSIONI DI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

Categorie Senza categoria

#ECCENTRICO VOL.2 BEARD CARE

Eccentrico, non solo prodotti da rasatura! 

Spesso si dice che il sequel sia più deludente dell’originale… Ecco in questo caso non è assolutamente così, anzi forse per alcuni versi è anche meglio 😉 Come già nella prima versione, vediamo i due prodotti di eccentrico vol. 2 che sono lo shampoo da barba e l’olio, che come sempre sono fondamentali per gli amici barbuti e baffuti.  Partendo come sempre dallo shampoo, troviamo il prezioso fluido contenuto in una boccia di plastica ambrata (per preservare le caratteristiche, ed evitare che luce e calore vadano ad intaccare le proprietà) che ha il tappo dosatore, per calibrare al massimo il prodotto. Sul fronte troviamo l’etichetta che riprende esattamente quella che si trova sui prodotti da rasatura, che rappresenta il sottoscritto che prende “la neve” su un lettino immerso nel bianco. Invece sul retro abbiamo tutte le note di produzione, lo smaltimento e l’INCI che, come in precedenza, non analizzerò nello specifico non avendo assolutamente le competenze per farlo👽. Si comporta molto bene nel lavaggio, andando a sgrassare ottimamente il pelo (anche dalle cere da baffi più ostiche) e lasciando il pelo decisamente morbido e lucido. A differenza della versione 1, si presenta in modo più denso, quasi in maniera gelatinosa, cosa che sinceramente mi piace molto perché basta veramente poco shampoo per effettuare una saponata veramente densa e goduriosa.  La profumazione, per chi non avesse ancora provato i prodotti da rasatura, è identica, ovviamente più attenuata rispetto alla versione alcoolica dell’after shave, ma comunque presente. Le note sono un mix tra fruttato e floreale (su cui spiccano la rosa e il gelsomino), e si conclude con un sentore di fieno e Fava Tonka… Una bomba atomica, garantito!

Ma dopo la pulizia della barba, ci vuole un trattamento di benessere per il pelo, e qui entra in gioco l’olio, che conclude il grooming in maniera ineccepibile. Tra gli ingredienti presenti spiccano l’olio di Argan (ottimo per ammorbidire il pelo e rigenerarlo), l’olio di lino (che aiuta a ristrutturare e lucidare il pelo, oltre a contrastare l’uscita di doppie punte) , l’olio di noce (che aiuta a rafforzare il pelo e a tenerlo in buona salute) e infine l’olio di semi di soia (ottimo alleato per ammorbidire e nutrire il pelo -essendo ricco di vitamine-), un bel mix che contribuisce sicuramente ad avere una barba e dei baffi sempre perfetti! La profumazione rispetto al vol. 1 è decisamente più persistente sulla barba anche se (oggettivamente) non è una profumazione tanto invernale, anzi è ottima nelle stagioni più calde. Ovviamente non è un obbligo, ma più un Consiglio 😉 

L’olio è contenuto anch’esso in una bottiglietta di vetro da 30 ml, con pipetta dosatrice, che ha un elemento interessante, quello di essere “predosata”, o almeno a me ha fatto quell’effetto 😅 L’etichetta è la medesima della linea vol. 2, cambia il fatto che è avvolgente, e si trova sul retro una seconda etichetta che ha ben impresse sopra le coordinate di produzione e la lista ingredienti (quella vista sopra).  Cosa dire di questa linea, se non che rispetto alla versione 1, qua abbiamo decisamente una sensazione di eccentricità, virile e maschia, ma con dei sentori dolci, che vi faranno avere la barba e i baffi davvero…eccentrici 💥  Provare per credere, parola di Civa il Baffo🤟🏻 E poi… Non c’è il 2 senza il 3…ma questa è un’altra storia! 

 

 

 Andrea 

LEGGI LE RECENSIONI DI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

Categorie Senza categoria

#ECCENTRICO VOL.1 BEARD CARE

Eccentrico, non solo prodotti da rasatura!  

Queste parole sono perfette per dirvi la mia sulla linea eccentrico (vol.1) che è il capostipite della linea di cura della barba. Nato sull’onda del sapone e after shave omonimi, Eccentrico apre le danze con due prodotti che sono un pò i must have dei barbuti. Parliamo di olio e shampoo da barba, ideali per avere una peluria facciale sempre al top! Partendo dall’olio, lo troviamo in un classico boccettino da 30 ml, di vetro scuro, per preservarne le funzionalità anche se qualora il prodotto fosse a contatto continuo con fonti di luce. Troviamo il tappo dosatore a pipetta, che rende molto comodo il prelievo dell’olio, senza abusarne (limitando di parecchio la possibilità di eccedere e rendere il pelo unto). L’etichetta porta il logo di eccentrico in bell’evidenza, riproponendo praticamente la stessa grafica del sapone, con l’aggiunta della scritta “l’olio da barba” subito sotto al logo del doppio baffo. Sul retro del barattolo troviamo l’etichetta con l’inci e le caratteristiche di produzione. Tra gli ingredienti presenti spiccano l’olio di Argan (ottimo per ammorbidire il pelo e rigenerarlo), l’olio di lino (che aiuta a ristrutturare e lucidare il pelo, oltre a contrastare l’uscita di doppie punte) , l’olio di noce (che aiuta a rafforzare il pelo e a tenerlo in buona salute) e infine l’olio di semi di soia (ottimo alleato per ammorbidire e nutrire il pelo -essendo ricco di vitamine-), un bel mix che contribuisce sicuramente ad avere una barba e dei baffi sempre perfetti!  Questi olii sono bilanciati magistralmente con elementi chimici, che favoriscono la creazione di un olio che non risulta pesante per il pelo, ma bensì rimane quasi un velo, assorbendosi quasi immediatamente.  

 

La profumazione è il richiamo esatto di eccentrico vol. 1(un mix di frutta secca,sentori fruttati e una punta di fieno) ,anche se devo dire rimane un pochetto più tenue rispetto ai prodotti da rasatura (probabilmente dovuto al fatto che l’essenza disciolta in base oleosa perde qualcosa come potenza) ma allo stesso tempo rimane ottimo per chi desidera una profumazione che c’è, ma più che essere presente è un delicato mantello che ti avvolge, ma senza invadere nulla. Ottimo prodotto all season e all day🤟🏻 

 

Discorso diverso per lo shampoo, che seppur mantenendo la stessa profumazione, in fase di utilizzo l’ho percepita in maniera più carica, anche se rimane con degli accordi decisamente più delicati rispetto al mondo rasatura. Un prodotto ottimo in una bottiglia di plastica di 250 ml di capienza, sempre di colore brutto, per preservare il prodotto all’interno. Ha un tappo dosatore, che per me era fondamentale, in quanto senza quello, mi capita spesso di abusare troppo del prodotto, andando a sprecare lo Shampoo, e questa cosa non mi faceva impazzire 😅. Sul fronte troviamo l’etichetta (identica a quella dell’olio) e sul retro invece abbiamo l’inci (su cui non mi soffermerò) e i dati di produzione e smaltimento.  Ha un ottimo potere “sgrassante” in quanto riesce senza fatica a eliminare totalmente i residui di cera che adopero quotidianamente, e la scia un pelo morbido e setoso, con una lucentezza che mi aggrada molto.  Eccentrico 1 è un perfetto connubio per chi vuole prodotti di qualità a un prezzo ottimo, con una profumazione che sarà gradita soprattutto a quelli che cercano leggerezza, sentori delicati e perfetti per ogni stagione.  La qualità c’è, ora tocca voi dirmi come vi trovate… E se questo non è il vostro tipo… Eccentrico vol. 2 è la risposta! 🤟🏻 

Categorie Senza categoria

5^ puntata di #Razortime

Parker 55 SL (Semi Slant) – Graffite 

Dall’India arrivano spesso e volentieri prodotti che sono molto apprezzati dai wet shevers, per innumerevoli motivi, tra cui il prezzo, ma indubbiamente anche la fattura. Direi possiamo partire ad analizzare il Parker 55 SL, dalla sua bellezza estetica, inusuale, ma che fa subito capire di essere di fronte a un prodotto di ottima qualità. La testa è con delle forme che sono contrastanti e complementari, con una forma squadrata sul culmine, e con tutti gli angoli “a vista” che sono smussati, dando una forma decisamente dolce a questo “attrezzo”. Un rasoio bilanciato ottimamente, anche grazie al manico che pesa 59 gr per una lunghezza di 10 cm, e che permette alla testa di scorrere senza nessuna difficoltà sul viso. Questa cosa è molto importante e soprattutto ben realizzata, in quanto è un elemento cruciale per approcciare al rasoio “obliquo”. Avendo un taglio diverso rispetto ai classici DE negli slant bisogna capire bene in che posizione si trova la lama al momento del taglio. Andando infatti a torcerla, la nostra cara lametta, tende a essere più rigida ma allo stesso tempo non parallela alla barra di sicurezza. Ecco questi elementi rendono il taglio del 55SL un rasoio che si piazza in un frammento tra il DE e il taglio slant “classico”, essendo con un’inclinazione della barra di sicurezza meno obliqua rispetto alle compagini slant. Diciamo che siamo di fronte a un ibrido di un già ibrido rasoio (scioglilingua 😅).  Il taglio sulla mia pelle è dolce, sicuramente molto più soft rispetto a uno storto di Fatip, ma -almeno sulla mia pelle- è più aggressivo dei DE basic come R89, Sloc, King etc… Quindi risulta essere anche indicato per barbe quotidiane (sempre con la giusta mano e il rispetto…) anche se è fondamentale trovare la lama che vada bene con questo tipo di rasoio (che ricordiamo, torcendo la lama tende a renderla molto più efficace). Paradossalmente io mi trovo meglio con le lame che normalmente trovo blande e poco affilate, perché questo meccanismo di torsione riesce a rendere un oggetto leggermente “innocuo” un vero bisturi.  

CONCLUSIONE 

Per me il 55SL è un rasoio da avere, intuitivo (forse più di alcuni slant classici) e con un buon peso, che consente di farlo lavorare in maniera quasi autonoma. Fattura pregevole per il prezzo che ha, con queste finiture smussate che lo rendono esteticamente bello, e secondo me anche più morbido in viso. Misure buone, anche se avrei preferito un manico leggermente più corto, che avrebbe contributo ad avere una proporzione globale migliore (essendo la testa di qualche mm più piccola rispetto ai competitor). Secondo me può essere uno slant fruibile in più occasioni, con una profondità di taglio ottima, che ha poco o nulla da invidiare agli slant standard, anche se non bisogna farsi ingannare.  Prezzo decisamente in linea con i rivali, anche se secondo me per la qualità delle finiture e “l’unicità” del modello, ha un prezzo veramente a ottimo mercato.  Colorazione interessante, un bel satinato che aiuta (almeno nella mia percezione è così) lo scorrere della testina sul viso, molto meglio rispetto alle varianti lucide.  Non sarà un tedesco, ma devo dire che in India sanno come muoversi e come fare i rasoi… Non è un tedesco, ma ci stiamo avvicinando!  

VOTAZIONE : 8+ 

Un segmento particolare quello degli slant, o sia ama o si odia… Qua siamo arrivati a un odio e amore quasi pari, uno slant non convenzionale che mi ha fatto “infatuare”. Non è amore, ma ci siamo vicini! 

 

 Andrea 

LEGGI LE RECENSIONI DI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

Categorie Senza categoria

3^ puntata di #Soaptour

Si vociferava di come potrebbe essere un Le Père Lucien a base di tallow… Ebbene funziona veramente in maniera ottima💥 Potremmo finire qua la recensione, ma a me piace andare a fondo, e non tralasciare troppi dettagli. Sicuramente, la matrice di LPL si vede, si nota e si apprezza, partendo dalla confezione, che già a vederla fa venire alla mente una coperta calda, che ti fa venir voglia che fuori faccia freddo per poterla usare. Ecco, Oud-Santal è già all’apparenza questa metafora. Colori gialli, caldi, con scritte nere fanno da cornice a un sapone che si presenta di un colore marrone (tanto per stare in armonia cromatica) di una pasta morbida. La profumazione appena aperto è decisamente invasiva, nel senso buono della parola, andando a esplorare tutte le note legnose della piramide olfattiva.  Il montaggio è semplice, decisamente più intuitivo rispetto alla compagine vegetale, tant’è che alle mie prime esperienze, ho abusato abbastanza con le quantità di prodotto prelevato 😅. Si apprezza moltissimo la corposità della schiuma, densa e compatta, che crea in viso uno strato molto coprente. La maggior parte del lavoro (si fa per dire) l’ha fatto il pennello più adatto, che ho notato -alternandoli nelle diverse prove- essere il maiale.  Questo ciuffo lavora questa pasta di sapone in maniera eccellente, riuscendo a creare una specie di crema al burro (quelle da pasticceria) con pochi ma efficaci movimenti.  Spennellando la profumazione rimane pressoché invariata rispetto all’apertura del vaso, anche se oltre alle note legnose ed eleganti che avevo percepito, ho sentito qualche sfumatura di spezia, dolce che -al mio naso- armonizzava ed impreziosiva ancora di più questo sapone. Ma veniamo ora al cuore del sapone, l’anima che dà vita a questo valzer di emozioni, l’INCI.

Come già detto in precedenza a LPL piace cambiare le proprie formule per rendere i prodotti pressoché unici, e anche in questo caso non ci sono eccezioni. I grassi in questo prodotto sono 2, il tallow ovviamente (o sego animale che dir si voglia) miscelato accuratamente con il burro di Karité, grasso vegetale nobile se possiamo azzardare, in quanto ha delle proprietà benefiche per la nostra pelle che sono eccezionali! Basta pensare al benessere che lascia nel post shave (che noterete sicuramente) ma anche a un’idratazione profonda e un nutrimento degno di un centro benessere. Il burro di karité è un vero “oro vegetale”, e insieme al tallow (che dona protezione e scorrevolezza al sapone) si ottiene una combo… WOW! Un’avvertenza… Contiene un massiccio quantitativo di glicerina, quindi fate attenzione al rasoio, che volerà via come Carolina Kostner⛸ 

CONCLUSIONI 

Mi sono emozionato. Semplicità e sostanza con un pizzico di aura regale. Pochi elementi ma di qualità, che combinati insieme realizzano quello che un tensore cerca: protezione, scorrevolezza e benessere. Voilà (come dicono i francesi) il gioco è fatto. La profumazione è elegante, forse un pelo troppo legnosa per il mio naso, ma andando verso il freddo vero, si apprezza molto. Post shave ottimo, mi ha fatto pensare a un mix ben più ricco, ma evidentemente la qualità è alta (nella botte piccola c’è il vino buono). Pack tipico di LPL, ma in questo caso -grazie alla colorazione dell’etichetta- lo apprezzo maggiormente. Prezzo importante, ma con un’eleganza di pack che sicuramente si paga, e poi sono 200 gr, che sono il doppio rispetto alla media dei saponi in commercio… Borderline, ma sicuramente sotto le feste potrebbe essere una bell’idea per qualcuno di speciale, e sicuramente non farete brutta figura 🎅🏻 

VOTAZIONE 

GIUDIZIO COMPLESSIVO*: ⭐⭐⭐⭐ (-)  

PACK:⭐⭐⭐ 1/2 

PROFUMAZIONE: ⭐⭐⭐⭐(soggettiva) 

POST SHAVE: ⭐⭐⭐ 

PROTEZIONE\SCORREV. : ⭐⭐⭐ 1/2 

RAPPORTO QT\QL PREZZO:⭐⭐⭐ 

 *prodotto nella categoria mid 

 Andrea 

LEGGI LE RECENSIONI DI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

Categorie Senza categoria

2^puntata di #Soaptour

Le Père Lucien – Bay Rum Limited Edition 

Probabilmente qui ci troviamo di fronte a un prodotto che incarna appieno la cultura francese, elegante e sofisticata, perfetto per una passeggiata autunnale in Montmartre. Un elegante mix di profumi che inebrierà voi e chi vi circonda. Già partendo dalla confezione, che si presenta in metallo lucido ben lavorato, si capisce che siamo di fronte a un’eccellenza. L’etichetta è elegante, semplice ma decisamente indicata a un prodotto che deve mettere in risalto quello che offre. Internamente il prodotto si presenta in maniera abbastanza grezza (cosa che sinceramente non mi ha soddisfatto appieno) di colore marroncino, con una texture decisamente morbida. Questo suo stato di “durezza” è per lo più indicato per un uso su ciotola, in quanto la presa dal barattolo risulta decisamente difficoltosa e poco comoda. Prelevando con il dito e lavorando in ciotola, si ottiene un vero e proprio “burro da rasatura”, compatto, denso e molto profumato. Se vogliamo trovare un difetto, è semplicemente che alcuni pezzi di sapone, faticano a sciogliersi del tutto, ma intervenendo ” manualmente ” si circumnaviga il problema😉. La profumazione è intensa, e non propriamente un classico bay rum, ha delle note decisamente più dolci e molto meno pungenti (non c’è traccia di chiodo di garofano al mio naso), ma il tutto ben bilanciato da note speziate calde, che rendono questo prodotto ottimo per la stagione autunnale. In fase di rasatura, si nota una scorrevolezza buona, anche se (se non si bilancia perfettamente, e dico perfettamente l’acqua!) a volte risulta un pò difficoltosa, in quanto i grumi e lo spessore della crema intasano il rasoio.  

Le Père Lucien è famoso per il “cambiare” sempre le formule dei propri saponi, e renderle uniche per ogni prodotto, e anche in questo caso, abbiamo un elemento che stupisce per la sua unicità. Parliamo dell’olio di semi di girasole, che nella cosmetica viene usato come emolliente e protettore della pelle da parte di elementi esterni, e mixato con gli altri ingredienti, aiuterà a rendere la rasatura ottima! Il post shave è stato buono, con la pelle ben idratata anche se l’ho trovata un po’ poco nutrita, nel senso che, ho notato che mancava un po’ quella penetrazione profonda che si ha con l’utilizzo massiccio di burri🤷🏻‍♂️. L’idratazione c’è, il nutrimento un po’ meno… Sicuramente è un buon prodotto, forse un po’ fuori prezzo per quello che ha, e per quello di cui è composto, ma si sa, che le edizioni limitate tendono a essere un po’ “sovrapprezzo”…  

CONCLUSIONI 

Pack ottimo, bello, elegante e ben indicato per un ipotetico regalo, peccato un po’ per l’aspetto del sapone, che mi sarei aspettato un po’ più raffinato. La profumazione è ottima, intensa e ben bilanciata, non dolce ma ottimamente ponderata tra dolcezza e spaziatura, probabilmente si sarebbe potuto cambiare il nome per non fuorviare quello che poi ci si troverà davanti. Come detto prima il prezzo è un po’ alto, ma anche il pack ha un suo costo, e in più è un’edizione limitata che non sarà più proposta, qua siamo un po’ al limite tra quanto costa il contenitore o il contenuto…Va capito, provato più volte per farsi un’idea, e sicuramente la prima impressione non sarà quella definitiva… Garantito!  

Ma se ci fosse una versione al tallow di Le Pere Lucien? Come si comporterebbe?  

#staytuned 

 

 

VOTAZIONE 

GIUDIZIO COMPLESSIVO*: ⭐⭐⭐ 

PACK:⭐⭐⭐ 

PROFUMAZIONE: ⭐⭐⭐(soggettiva) 

POST SHAVE: ⭐⭐⭐ 

PROTEZIONE\SCORREV. : ⭐⭐ 

RAPPORTO QT\QL PREZZO:⭐⭐⭐ 

 

 

*prodotto nella categoria high 

 

Andrea 

Categorie Senza categoria

1° puntata di #SoapTour

Darwin – Classic Scent 🇫🇷💥🇬🇧Un brand che nel mio immaginario ricorda molto la figura mitologica della Fenice, un uccello che risorge dalle proprie ceneri rinforzato e rinvigorito. Ecco, Darwin è esattamente questo, un marchio inglese che è nato in Inghilterra prima della Seconda Guerra Mondiale e deceduto con essa, ma, a distanza di tempo, ha trovato nuova vita in Francia, dove è stato ri-creato il marchio, e reso quello che tutti noi oggi conosciamo. Dopo questa doverosa premessa, voglio raccontarvi la mia esperienza con il più classico dei saponi di casa Darwin, il Classic appunto, che mi ha incuriosito e in qualche modo, anche stupito. La confezione si presenta subito di gran classe, sicuramente vale da sola il prezzo del biglietto per la sua eleganza, legata indissolubilmente a quella che (credo) era la confezione originale. Etichetta semplice, ma molto d’impatto, con delle caratteristiche tipiche dei prodotti per il wet shaving inglesi. All’interno troviamo un sapone a pasta morbida, con una profumazione particolare, non classica, ma direi più tradizionale. Infatti si percepisce subito una leggera nota agrumata, ma decisamente più dolce rispetto a quello che si può immaginare da un sapone…argrumato😉 Iniziando, il montaggio rigorosamente in ciotola, la profumazione si apre, ed escono fuori delle note di patchouli (che credo sia il principale indiziato per la dolcezza della fragranza) e una lievissima nota di limone/lemongrass/citronella -non l’ho ben capita a essere sincero, ma c’è-, che rendono tutta la profumazione un elegante mix di tradizione, molto vicino a una classica colonia degli anni 40/50. Il montaggio è molto semplice, caratterizzato da una bella corposità della schiuma, che appena viene applicata in viso crea uno strato protettivo decisamente buono (considerando gli ingredienti di cui è composto il soap). La scorrevolezza qua la fa da padrona, il rasoio vola letteralmente sul viso, ma avendo una discreta protezione (dovuta al burro di karité) si viaggia serenamente fino al termine della sbarbata.

Il sapone non è tra i cosiddetti “super saponi”, anche perché nella formula c’è molta semplicità, che porta però a tantissima praticità; l’olio di cocco e l’abbondanza di glicerina rendono la scorrevolezza un grandissimo punto a favore di questo Darwin Classic, ma allo stesso tempo, l’aggiunta di burro di karité (oltre al fattore di protezione) aiuta la pelle a rimanere molto idratata, e tonica sia in fase di rasatura che nelle immediate vicinanze della fine. Un connubio semplice, ma che funziona, e sul mio viso è stato veramente ottimo! 

CONCLUSIONI

Semplice e pratico, occhio alla tradizione con sguardo dritto sul futuro! Elementi che aiutano sia il tensore più frettoloso che necessità di una schiuma che nasca facilmente ma che allo stesso tempo non sia stucco e faccia “volare” il rasoio, ma coccola anche l’amante della tranquillità e del benessere, rendendo il rito della rasatura un momento di puro relax. Profumazione di ispirazione inglese (delicata ed elegante) ma con una forte presenza francese (arricchita e potenziata) che rende la fragranza un all season abbinabile con i classici after shave della tradizione. Pack molto bello, secondo me apprezzabile più da chi colleziona rispetto a chi inizia, ma sicuramente sempre apprezzato. Prezzo leggermente alto per quello che si trova all’interno (anche se dalla loro hanno l’utilizzo di materie prime sempre BIO -dai burro agli olii, passando per le fragranze-) ma sicuramente è tutto dettato anche dalla scatola, che da sola diventa molto preziosa… C’è però anche il refil, a prezzo decisamente più pop… Per chi ama la tradizione, ma è stufo delle “solite cose classiche” qua può trovare qualcosa di diverso! 💈

VOTAZIONE

GIUDIZIO COMPLESSIVO*: ⭐⭐⭐++

PACK:⭐⭐⭐

PROFUMAZIONE: ⭐⭐⭐⭐(soggettiva)

POST SHAVE: ⭐⭐⭐

PROTEZIONE\SCORREV. : ⭐⭐⭐⭐

RAPPORTO QT\QL PREZZO:⭐⭐⭐

*prodotto nella categoria mid

Andrea

LEGGI LE RECENSIONI DI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

Categorie Senza categoria

SAPONIEDINTORNI#41

Fine 21th century – Club House 🏡

Partiamo dal fondo per scoprire questo prodotto, che ci regala una nuova fragranza che si aggiunge alle oramai storiche che sono presenti in casa Fine. Parto dal fondo perché la profumazione di questo Clubhouse e indissolubilmente legata all’ultimo atto che compiamo durante il rito della rasatura, ovvero l’after shave. Infatti questa nuova fragranza è nata prendendo ispirazione (e anche qualcosa in più a dire la verità) dal classico intramontabile Pinaud Classic, un after shave a stelle e strisce, che è un pò il “Denim d’oltre oceano”. Un after classico, con note speziate ed agrumate che da un tocco di classe in più a chiunque lo indossi. Ecco, per gli amanti del Pinaud classic questo Fine da finalmente la possibilità di abbinare un sapone a questo classico senza tempo.  Il soap in sé, è identico a quelli di nuova generazione della ditta americana, quindi sono prodotti in Italia, con elementi scelti accuratamente per donare il massimo del beneficio alla nostra pelle. Troviamo infatti una base tallowata (che ahimè rilascia sempre alcune note lattiginose che, come nell’American Blend, non mi emozionano) ma questa base viene arricchita da elementi vegetali che sono dei veri toccasana per la pelle. Parliamo di 1 burro e 2 olii, che sono il burro di Mango (ottimo per idratare la pelle, renderla tonica e ovviamente creare uno strato di protezione contro la lama di rasoio) l’olio di jojoba (che rivitalizza e rigenera il derma) e infine il mio preferito che è l’olio di Argan che dona un idratazione ottima, e si occupa di rendere la pelle elastica e “umida” dopo il passaggio della lama. Detto ciò, vediamo come è andato in rasatura. Che dire, il maiale è sempre il maiale, e con questi saponi a pasta morbida, secondo me sono i migliori alleati. Basta poco prodotto per avere una schiuma densa e molto compatta, anche se c’è da sottolineare che con la combo maiale+tallow bisogna essere bravi a dosare l’acqua, perché l’effetto stucco/cemento è veramente sempre dietro l’angolo.

Una volta trovata la giusta misura di acqua, il rasoio va con il pilota automatico, permettendo di azzardare anche qualche lama più performante rispetto al solito perché si ha uno strato protettivo davvero notevole. La profumazione rispetto ai suoi fratelli, la trovo leggermente più sparata, che per me è un plus (contando che mi piace molto il clubman…) e soprattutto ho notato che rimane sulla pelle il tempo necessario -e anche qualcosa in più- per effettuare tutte le pulizie degli attrezzi e poi andare di after. E sul dopobarba spendo poche parole, perché è un classico. Ma davvero, sono identici, sono (finalmente) uno il continuum dell’altro. Che dire, una bella trovata, che fa riscoprire un prodotto considerato da banco, ma che per me, ha molto più da dire rispetto a quello che si pensa… Combo veramente azzeccata! 

CONCLUSIONI

Un grande sapone per un grande dopobarba. Era quello che mancava e adesso finalmente ci si può sbarbare con un unica fragranza classica, che è veramente quella. Fine qua secondo me ha fatto veramente centro, per gli amanti della profumazione qui si ha quello che si stava cercando. Il sapone lavora bene, anche se devo dire che risulta leggermente fuori prezzo rispetto a quello che riscontro in rasatura. Elementi ottimi, che si percepiscono bene come effetti nel post shave, stona un pò quella nota di lattiginoso, ma con i tallowati è sempre così. Mi piacerebbe che adesso Mr. Fine si lanciasse a produrre anche le altre fragranze mancanti…di Pinaud ovviamente 😉 Sapone da avere se piace la profumazione del clubman, e se piace il sapone senza il clubman… Prendete anche il classico americano, che sarà veramente una goduria! 

VOTAZIONE

GIUDIZIO COMPLESSIVO*: ⭐⭐⭐1/2

PACK:⭐⭐⭐+

PROFUMAZIONE: ⭐⭐⭐⭐(soggettiva)

POST SHAVE: ⭐⭐⭐+

PROTEZIONE\SCORREV. : ⭐⭐⭐⭐

RAPPORTO QT\QL PREZZO:⭐⭐

*prodotto nella categoria high

Andrea

LEGGI LE RECENSIONI DI CIVA _ILBAFFO SUI SUOI PROFILI:

INSTAGRAM

FACEBOOK

Categorie Senza categoria
Item added to cart.
3 items - 71,89